Italiano English Deutsch
PRENOTA IL TUO SOGGIORNO
PER TIPOLOGIA
PER LOCALITÀ
MAPPA INTERATTIVA
AGRITURISMI
HOTEL
BED & BREAKFAST
CANTINE
RISTORAZIONE
PRODUTTORI DI OLIO
AZ. AGRICOLE, ARTIGIANALI, TURISTICHE
SERVIZI TURISTICI
Umbria
HOME PAGE » MAPPA INTERATTIVA » Torre del Colle

Torre del Colle

06031 Torre del Colle (PG)

Anticamente nominato Torre S. Lorenzo (sec X) fu un antico feudo dei conti Antignano che presero il nome dal castello omonimo, centro dei vasti possedimenti che essi avevano nel territorio bevanate. Gli Antignano furono sempre ghibellini, fedeli all'imperatore, per il quale ricoprirono importanti cariche pubbliche. Insieme a Cantalupo, Castelbuono, Limigiano e Gaglioli costituì un sistema difensivo di notevole efficacia a dominio del territorio. Nel 200 i conti avevano il dominio su Coccolone (Montefalco), Bevagna, Foligno, Cannara e Gualdo Cattaneo: con l'inizio della supremazia di Foligno e con la morte di Federico II (1250) la contea si indebolì e scomparve. I conti di Antignano si trasferirono a Foligno, dichiarandosi sudditi della chiesa: alcuni presero il nome di De Comitibus, altri Rainaldi.

Nel 1273, dopo la battaglia di Gaglioli, i todini estesero il loro dominio fino al castello, che nel 1377 fu ripreso da Perugia, Urbano VI appena eletto , ne confermò il dominio perugino nel maggio del 1378. Nel 1386 si sottomise Ugolino III Trinci che nel 1392 Bonifacio IV conferendogli il titolo di vicario papale, lo insediò con pieni poteri nei domini di Foligno, Nocera, Bevagna, Montefalco e tutti i loro castelli, con un canone annuo di 1500 fiorini d'oro.

I todini bramosi di riavere i propri possedimenti, si allearono con Biordo Michelotti nel 1395 contro Ugolino: vicino a Bevagna fu combattuta una feroce battaglia con ingenti perdite da ambo le parti.

Il castello ritornò sotto la giurisdizione tuderte. Dopo la morte di Biordo(1398) Ugolino III per conto della chiesa, riprese alcuni castelli, tra cui Torre del Colle. V'insediò a difesa il capitano Manenti da Bevagna con il titolo di governatore ma senza appannaggio alcuno; il castello, inoltre, doveva provvedere autonomamente alla difesa in caso di assedio, reclutando soldati nel territorio di giurisdizione.

Nel 1500 gli Statuti di Bevagna permisero agli uomini di Torre del Colle di essere considerati a tutti gli effetti come cittadini bevanati. Nel secolo XVII assunse l'attuale denominazione. Cinto di mura con un torrione semicilindrico verso la valle dell'Attone, con il campanile della chiesa di S. Lorenzo, mantiene intatto tutto il fascino medievale.

Si entra nel paese attraverso un arco a sesto acuto di arenaria; si attraversa un voltone sotto cui è una scala esterna su mensole e si sbocca in un pittoresco crocevia; a sinistra una casa del 400 con finestra in cotto e palle di arenaria murate come decorazione; più oltre, a sinistra casa pure del '400 con facciata adorna di due finestre sovrapposte con mostre in cotto; quella superiore con ornati a stelle. Nelle vicinanze si trova l'eremo di S. Giovanni edificato dal beato Ugolino nel 1320.
PACCHETTI TURISTICI E OFFERTE
Iscriviti alla Newsletter
Indirizzo e-Mail
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali (informativa sulla privacy)
News
Obblighi informativi per le erogazioni pubbliche: gli aiuti di Stato e gli aiuti d...
Progetto de La Strada del Sagrantino che valorizza gli attrattori culturali attrav...
Eventi del comprensorio

Anche quest’anno il Consorzio Tutela Vini Mont...

Marzo - Aprile - Maggio - Giugno 2022

Il sole torna a scaldare la Strada del Sagrantino e Bevagna festeggia l’ar...
Dall' 8 luglio al 20 Novembre 2022 il ricco calendario di esperienze da vivere nei territori de La Strada del Sagrantino: 22 weekend...